KETOFTIL COLLIRIO 10 ML 0,5 MG/ML

Maggiori Informazioni
BrandPOLIFARMA SPA

Collirio Per il trattamento della congiuntivite allergica

14,50 €
Disponibilità: Disponibile
Email

KETOFTIL 0,05% collirio, soluzione 100 ml contengono: ketotifene fumarato 0,069 g, pari a 0,05 g di ketotifene. KETOFTIL gel oculare 100 g contengono: ketotifene fumarato 0,069 g, pari a 0,05 g di ketotifene.

Eccipienti

KETOFTIL 0,05% collirio, soluzione (in confezione multidose): Sorbitolo, Benzalconio cloruro, TS-Polisaccaride, Acqua per preparazioni iniettabili.KETOFTIL 0,05% collirio, soluzione: TS-Polisaccaride, Sorbitolo, Acqua per preparazioni iniettabili. KETOFTIL 0,05% gel oftalmico: Idrossietilcellulosa, Sorbitolo, Benzalconio cloruro, Acqua per preparazioni iniettabili.

Indicazioni terapeutiche

Congiuntiviti e cheratocongiuntiviti acute e croniche di natura allergica (primaverili, atopiche ed altre)

Controindicazioni

Ipersensibilità individuale accertata verso uno dei componenti del prodotto o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico. Generalmente controindicato in gravidanza (v. paragrafo 4.6).

Posologia

KETOFTIL 0,05% collirio, soluzione: 1 goccia nel sacco congiuntivale 2 o più volte al dì, secondo prescrizione medica. KETOFTIL 0,05% gel oftalmico: 1 goccia nel sacco congiuntivale 2 volte al dì.

Avvertenze e precauzioni

Il KETOFTIL, nelle sue diverse forme farmaceutiche, può determinare al momento dell'applicazione un leggero e fugace bruciore. Il KETOFTIL gel oftalmico, per la natura dei suoi eccipienti, può causare al momento dell'applicazione un lieve e transitorio offuscamento visivo. Per la presenza di benzalconio cloruro, l'impiego del KETOFTIL collirio e KETOFTIL gel oftalmico è incompatibile con l'uso di lenti a contatto morbide. Tenere il medicinale fuori della portata dei bambini.

Interazioni

Sebbene il ketotifene presenti interazioni con tranquillanti, ipnotici ed alcool, le basse concentrazioni plasmatiche ottenibili per somministrazione oculare rendono improbabili tali fenomeni.

Effetti indesiderati

In rari casi sono stati riportati lieve bruciore, irritazione locale con iperemia e blefarite.

Gravidanza e allattamento

Anche se gli studi sull'animale non hanno mostrato alcun effetto negativo del ketotifene sulla gestazione e sul feto, la sua somministrazione in donne in stato di gravidanza, in particolare nel primo trimestre, deve essere limitata ai casi di effettiva necessità. Non sono note reazioni da sovradosaggio.